Recensione della quinta stagione di 'The 100': questa potrebbe essere la migliore stagione

Che Film Vedere?
 
La serie di sopravvivenza post-apocalittica della CW riduce il peso morto e torna a ciò che sa fare meglio.

Il 100 ritorna per la sua quinta stagione come un proiettile uscito da una pistola; un veicolo snello e meschino di azione propulsiva e ricco di personaggi drammatici che distrugge lo status quo. Uscendo dallo scioccante cliffhanger della quarta stagione, che ha fatto avanzare rapidamente la storia sei anni dopo, ci troviamo in un nuovo mondo.

Clarke ( Eliza Taylor ) sopravvisse a Praimfaya, lasciandola a Omega Man il suo modo di aggirare i resti della seconda apocalisse fino a quando non incontra Madi ( Lola Flanery ), il misterioso giovane sangue notturno che ha preso sotto la sua ala protettrice. Il gioco è cambiato. Con solo loro due in tutto il mondo (almeno da quello che sappiamo), che vivono nell'unica valle verde sulla Terra, Madi è la sua famiglia ora e la vecchia famiglia di Clarke sembra persa, anche se non ha perso la speranza. Con un anno passato da quando era sicuro per la vita sulla terra, Octavia e compagni rimangono nel bunker e Bellamy e compagni rimangono sull'arco, lasciando Clarke a chiedersi perché.

Immagine tramite The CW

I primi due episodi della quinta stagione ci raggiungono sul perché, il quando e il come, fornendoci tutti i dettagli da sapere su ciò che è accaduto nel bunker e sull'Arco, e ci riempiono di nuove, rivalità e alleanze inaspettate all'indomani. Sei anni sono tanti, dopotutto. Sia in cielo che sottoterra, i fratelli Blake hanno assunto il loro ruolo di leader e, come sempre, i loro metodi sono in disaccordo. Bellamy è diventato equilibrato sull'Arco, dove il piccolo gruppo di sopravvissuti lavora più o meno in armonia per sopravvivere, scambiando compiti e istituendo piccole regole per tenere alto il morale. Nel frattempo, Octavia rimane sempre la vera guerriera, forgiando Wonkru nel sangue e guidando la sua gente alla sopravvivenza con la lama.

Ciò che è chiaro in tutti questi scenari - a terra con Clarke, in aria con Bellamy e nel bunker con Octavia - è che Il 100 è tornato alla scintilla dell'ispirazione tornando alle radici del tipo di storia che la serie ha sempre raccontato meglio: una sulle debolezze dell'umanità e sui cicli intrinseci di violenza che ne derivano. E lo ha fatto attraverso un dispositivo narrativo che lo ha sempre reso uno dei migliori pezzi di fiction di genere in televisione: la reinvenzione.

Attraverso i suoi alti e bassi, Il 100 ha sempre eccelso nell'espansione e nell'evoluzione del mondo in cui gioca, spostando il paesaggio in modi drastici ma naturali. Lo ha fatto prima nel suo stesso concetto, portandoci dallo spazio alla Terra post-apocalittica, e poi con l'introduzione dei terrestri e del Monte Weather, facendo schiantare gli Arkers sulla Terra, la Città della Luce e così via. Il 100 abbraccia la libertà della narrazione di genere senza paura per scoprire costantemente regni meravigliosi e disperati da esplorare (ok, soprattutto disperato). In linea con la tradizione della serie, la fine della stagione 4 ha visto un significativo abbattimento, sia dei personaggi che delle trame trascinate, e per quanto doloroso fosse vederli andare via, è stato necessarioe una dovuta evoluzione. Til salto temporale della sua stagione suggella l'accordo, e ancora una volta Il 100 ci catapulta in una nuova realtà dove il terreno si è spostato sotto i nostri piedi.

Immagine tramite The CW

Anche per una serie che ha sempre abbracciato il cambiamento, non abbiamo mai avuto un reset così vertiginoso; essenzialmente un riavvio morbido di serie media. È una mossa brillante, spingere l'azione in avanti verso il futuro ancora una volta, invece di precipitare verso l'interno verso i segreti del passato. Questo non vuol dire che non ci fossero colpi intelligenti sulla strada Il 100 ha ampliato la sua mitologia nelle ultime stagioni, ma l'immersione profonda nella storia di ALI e nei segreti della prima apocalisse sembrava sempre che ci stesse portando dove eravamo già. Adesso, Il 100 sembra che stia andando avanti di nuovo. La serie non ha dimenticato il suo passato, al contrario, i parallelismi tra la stagione 5 e la stagione 1 assicurano che ogni momento sia maturo con il ricordo di esso, ma è narrativamente libero di muoversi in nuove eccitanti direzioni.

Il catalizzatore del cambiamento è l'arrivo dei prigionieri intergalattici intravisti nel finale della quarta stagione. Mercenari e spietati, ma non senza ragione (almeno alcuni di loro non lo sono), i prigionieri minerari Eligius portano una nuova fantastica prospettiva al mondo di Il 100 - non sono discendenti del vecchio mondo, sono cittadini di esso che sono tornati sul loro pianeta dopo decenni di crio-sonno solo per trovarlo distrutto. E sono guidati da un inferno di un nuovo antagonista,Charmaine Diyoza, un'ex stratega militare che si è trovata un posto in prigione quando si è rivolta all'estremismo. Ma non è una pazza delirante, e interpretata con fascino e una presenza imponente da Ivana Milicevic , è un'avversaria perfettamente abbinata per Clarke. Intelligente, calcolatrice e determinata a salvare la sua gente, ha grossi calibri e psicopatici più grandi dalla sua parte, ed è il tipo di personaggio che sarebbe un perfetto alleato se i suoi obiettivi non fossero così direttamente in contrasto con i nostri eroi.

Immagine tramite The CW

Ovviamente, non che la parola 'eroi' si applichi davvero a questa serie. Il 100 prospera esplorando l'area grigia morale e le scelte impossibili di sopravvivenza, e più che mai, la quinta stagione sembra intenzionata ad esaminare il punto in cui combattere per la tua gente ti trasforma nel cattivo, non importa quanto pensi di avere ragione. 'Non ci sono bravi ragazzi', dice Clarke mentre spara un colpo mortale a uno degli intrusi - un'interessante inversione dagli attacchi terrestri nella stagione 1. Questa volta siamo dalla parte delle persone che difendono la loro terra, ma non è certo la base morale. Questa è la magia di Il 100 La storia di, il modo in cui ispira empatia per i suoi personaggi nonostante le loro azioni orribili e ti costringe a esplorare la moralità da un luogo di complicità emotiva. È un atto di alto livello che può facilmente cadere in una punizione perpetua, e la serie non ha sempre inchiodato l'equilibrio, ma non ha mai evitato le complessità.

È difficile immergersi troppo nei momenti salienti senza calpestare il territorio degli spoiler, ma diciamo solo che la stagione 5 è pronta per essere la stagione di Octavia. La ragazza sotto il pavimento è diventata la regina di un popolo sotterraneo (com'è giusto), e quando lo Squartatore del Cielo è finalmente costretto ad accettare il suo ruolo di non solo un guerriero ma un leader del suo popolo, è una forza spettacolare da vedere , come Marie Avgeropoulos è una meraviglia d'acciaio e spadaccina nel ruolo.

nuovo su amazon prime aprile 2020

Ovviamente, Octavia non è l'unica che spicca. Murphy ( Richard Harmon ) rimane uno dei personaggi più avvincenti e imprevedibili della televisione, degno di più tempo sullo schermo di quanto consenta una serie corale. Corvo ( Lindsey Morgan ) è ancora il faro della decenza e del sacrificio di sé, e Kane ( Henry Ian Cusick ) continua ad essere uno degli esempi più evoluti e sinceri di lotta filosofica manifestata nel carattere. Bellamy (Bob Morley) brilla anche in questa stagione, più maturo e stabile di quanto l'abbiamo mai visto (almeno per ora) e la sua lucidità è un buon aspetto su di lui. È affascinante vedere il viaggio che questi personaggi hanno intrapreso e in una stagione che intenzionalmente è parallela alle origini della serie, le loro trasformazioni si spostano in una chiarezza più nitida che mai.

Immagine tramite The CW

Il ritorno della diversità di posizione (bunker, viaggi spaziali e distruzione nucleare, oh mio!) È anche una dinamica benvenuta, che apre spazio a trame complesse, probabilità impossibili e rivelazioni drammatiche. Con il dramma così concentrato le ultime due stagioni, il mondo stava iniziando a sentirsi terribilmente piccolo sul terreno, anche con la crescente mitologia terrestre. Ora, le possibilità sembrano di nuovo grandi, infinite e le sorprese sembrano aspettare dietro ogni angolo. E mentre siamo in tema di momenti salienti, i reparti costumi, trucco e acconciatura continuano a fornire una firma, distinta lewks per i personaggi che si sentono sempre coerenti senza essere ridondanti. I capelli tinti di rosso post-apocalisse di Clarke sono già i preferiti dai fan, ma l'attrezzatura da battaglia completa del bunker di Octavia è una per i secoli.

Quattro episodi dopo, è troppo presto per rilasciare dichiarazioni dichiarative secondo cui questa è la stagione migliore Il 100 ancora, ma questa è senza dubbio la serie più forte di episodi di apertura, e forse la migliore serie di quattro episodi dell'intera serie. È una base eccezionale per una stagione. L'episodio 2 da solo si classifica come uno dei migliori racconti nella storia della serie. Nonostante alcuni recenti passi falsi, la lotta di questo spettacolo è tutt'altro che finita. Nella quinta stagione, Il 100 mostra una rinnovata attenzione e una feroce scintilla creativa. Praimfaya ha ripulito il cespuglio morto, lasciando le fondamenta dello spettacolo fertili con opportunità per il dramma dei personaggi rinvigorito e la costruzione del mondo creativa, e finora Il 10 La quinta stagione di 0 sta cogliendo ogni opportunità che si presenta.

Valutazione: ★★★★ Molto buono

Il 100 torna su The CW il 24 aprile.

Immagine tramite The CW

Immagine tramite The CW

Immagine tramite The CW