NON AVERE PAURA DELLA RASSEGNA DARK

Non abbiate paura del buio recensione. Matt recensisce Don't Be Afraid of the Dark di Troy Nixey con Katie Holmes, Guy Perace e Bailee Madison.

Sono un facile spavento. Tendo a non cercare film dell'orrore perché l'idea di essere colpito da spaventi da salto non mi attira. Troy Nixey's Non aver paura del buio va dopo l'horror gotico e psicologico con un'atmosfera da casa stregata / film di mostri e di solito è così che funziona il genere per me. Ma nonostante la squisita direzione artistica e cinematografia, Non aver paura del buio è un film dell'orrore che raramente evoca un senso di paura o terrore.



Co-scritto e prodotto da Guillermo del Toro, Non aver paura del buio è un remake di un film TV del 1973 con lo stesso nome. La migliore scena del remake arriva durante il prologo quando assistiamo all'artista del 19 ° secolo Blackwood (Garry McDonald) che attacca follemente la sua cameriera, le rompe i denti e tenta di scambiarli (insieme ai suoi) con mostri invisibili e sussurrati che hanno rapito suo figlio . Invece, dicono che vogliono 'denti da bambino' e poi prendono tutto il suo corpo. Arriviamo quindi ai giorni nostri e incontriamo Sally (Bailee Madison), una giovane ragazza che viene mandata via dalla madre egoista a vivere con suo padre Alex (Guy Pearce) e la sua ragazza Amy (Katie Holmes). Alex e Amy stanno ristrutturando il vecchio maniero di Blackwood quando si imbattono nella stanza nascosta in cui Blackwood è scomparso. Nel frattempo, Sally, sentendosi isolata e arrabbiata con tutti gli adulti della sua vita, sente i sussurri seducenti delle creature che vivono nella casa, ma scopre presto che sono malevoli, alla disperata ricerca dei suoi denti e che odiano davvero la luce.



Non aver paura del buio sembra esattamente come dovrebbe. Il maniero è stupendo e sorprendente, il ritmo tenta di mescolare il lento bruciare di un film di una casa infestata con le intense paure di un film di mostri, ma non si riunisce mai. Nixey fa una perfetta imitazione di un film horror gotico e di un'ambientazione, ma non lo trasforma mai in un senso di paura. La cinematografia di Oliver Stapleton cattura molte belle immagini mentre raramente crea un senso di presentimento. Dovremmo sentire che la casa stessa è fuori per catturare Sally, ma Nixey e Stapleton hanno messo le loro energie nel cercare di gettare quante più ombre possibili nella stanza e lasciare che bastasse come malevolenza architettonica.

È una strategia sensata visto che le creature si nascondono nell'oscurità e odiano la luce, ma è un'opportunità persa poiché la storia si basa troppo sulla comodità moderna delle lampadine elettriche senza mai fornire alle creature l'intelligenza per rimuovere questo ostacolo. Le creature alla fine decidono di togliere la corrente a tutta la casa, ma il pubblico si chiede perché non l'hanno fatto prima. Anche se questo era un passo troppo grande per intraprendere all'inizio della storia, perché non spaccare le torce o tagliare i cavi elettrici durante la notte quando tutti dormono? Questa perdita di luce elettrica avrebbe potuto costringere il personaggio a fare affidamento sulla luce delle candele, una fonte di illuminazione volubile e molto più adatta all'atmosfera gotica che Nixey sta cercando di creare.

quanti film di canti natalizi ci sono?



Il film incontra anche un problema con la creazione delle creature. In termini di design, sono orribili. Ma sono delle dimensioni di un roditore e ci vogliono almeno quindici o giù di lì solo per abbattere una persona. Le loro dimensioni non sono davvero un problema poiché dovrebbero essere minuscole per attraversare il sistema di ventilazione della casa. Sono i loro movimenti. Si affrettano come topi, ma è un movimento che conosciamo. A nessuno piacciono i topi, ma sappiamo cosa sono e come si muovono, quindi l'oltretomba delle creature diminuisce ogni volta che Nixey deve ritirarsi e guardarli mentre cercano di abbattere una singola persona.

Nixey non getta troppe paure di salto, non fa affidamento sul sangue e merita credito per entrambi. Il cast si esibisce in modo ammirevole, Holmes è la sorpresa che spicca e il rapporto tra Sally e Kim è ben strutturato. Ma Non aver paura del buio La missione è spaventare il pubblico, che sia al buio o alla luce, e purtroppo non fa né l'uno né l'altro.

Valutazione: C-