John Boyega su 'Breaking', 'Attack the Block 2' e il suo equilibrio tra lavoro e vita privata

Che Film Vedere?
 

Ha anche parlato di cosa sia più figo: essere una action figure o far parte di un giro in un parco di divertimenti.

  custom-image-breaking-john-boyega

Da regista esordiente Abi Damaris Corbin e basato su una storia vera, Rottura segue il veterano dei marine Brian Brown-Easley ( Giovanni Boyega ) il giorno in cui diventa così disperato che sente di non avere altra scelta che avviare una rapina in banca. Non avendo mai intenzione di rapinare quella banca, anche se le sue azioni hanno innescato un teso confronto con la polizia, l'ex caporale, marito e padre voleva solo che il Dipartimento per gli affari dei veterani degli Stati Uniti gli procurasse l'assegno mensile di invalidità che stavano trattenendo.

Durante questa intervista 1 contro 1 con Collider, Boyega ha parlato dell'intensità che ha provato quando ha appreso di questa storia per la prima volta, perché questo era un ruolo a cui non poteva dire di no, quando si è reso conto di essere sul la strada giusta come attore, l'equilibrio tra lavoro e vita privata che ha trovato nella sua stessa vita e com'era avere Michael K.Williams coinvolti nel film. Ha anche parlato di come stanno andando le cose Attacca il blocco 2 , l'esperienza ispiratrice che ha fatto Il Re Donna e se è più bello essere un action figure o far parte di un giro in un parco a tema.

Collider: Prima di tutto, prestazioni incredibili in questo.

i migliori film su amazon prime agosto 2019

JOHN BOYEGA: Grazie.

Sono rimasto semplicemente sbalordito dalla performance tua e di tutti in questo. Per iniziare con una domanda sciocca e divertente prima di entrare in argomenti pesanti, ci sono alcune cose folli e fantastiche che derivano dall'essere parte di un franchise di enorme successo. A livello personale, per te è più bello essere commemorato per sempre come una figura d'azione, o è più bello far parte del più incredibile giro in un parco a tema di sempre?

BOYEGA: Il giro del parco a tema. È divertente che tu lo dica perché, qualche settimana fa, ho portato la mia famiglia e i miei nipoti a Disneyland per la prima volta e siamo andati a Star Wars Land. Siamo saliti in sella e abbiamo vissuto l'intera esperienza, e solo per vedere i loro volti, non c'è niente che possa superarlo. Quindi, sì, è stato davvero fantastico.

  breaking-john-boyega-feature
Immagine Via Bleecker Street

È un giro fantastico. Non riesco a immaginare come debba essere, farne parte.

BOYEGA: Era diverso. So che ne stanno parlando nella loro piccola scuola in questo momento, di sicuro.

fuori dai luoghi delle riprese del forno

È stupefacente. Bene, questo film è basato su una storia vera e so che hai parlato di come non conoscevi questa storia. Quando hai letto la sceneggiatura per la prima volta, com'è stata la tua esperienza nel leggerla? Prima ancora di iniziare a fare il tuo lavoro, qual è stata l'esperienza emotiva che hai avuto con esso?

BOYEGA: La stessa intensità che probabilmente hai avuto con il film è stata la stessa intensa sensazione che ho provato leggendo la sceneggiatura. Con ogni pagina, l'intensità, raggiungi il culmine di un buon crescendo in cui ti sei sentito come 'Non so se questo ragazzo sopravviverà o no'. E ho scelto di non leggere l'intero articolo, solo per non rivelarmi alcuni dettagli. Volevo sapere come erano (gli sceneggiatori) Abi [Damaris Corbin] e Kwame [Kwei-Armah], dal punto di vista creativo. E una volta che l'ho letto e tutto aveva un senso, ero su un ottovolante emotivo. Ero tipo 'Sì, questo è qualcosa con cui sarà facile per il nostro pubblico interagire emotivamente'. È un argomento e una sceneggiatura che bilancia questioni reali, ma con un valore di intrattenimento, che è qualcosa che cerco comunque, con qualsiasi sceneggiatura che leggo. Quindi, quando ho visto che era accurato, ho pensato: “Sì, fantastico. Lasciami fare il film perché è troppo bello.

  rottura-john-boyega
Immagine via Bleecker Street

A livello di attore, quando leggi qualcosa del genere, hai un momento di esitazione in cui sei tipo 'Non so se voglio affrontare tutto questo' o puoi semplicemente non dire di no a qualcosa come questo?

BOYEGA: Non potevo dire di no. Ed ero anche stanco in quel momento. Avevo un film che in realtà è andato avanti per alcuni mesi perché abbiamo chiuso a causa di COVID e ha allungato l'intero programma del doppio, quindi immagina di fare un lavoro extra su qualcosa che non avevi intenzione di fare. Quindi, volevo riposarmi, ma ho letto la sceneggiatura ed ero eccitato. Ero tipo 'Sì, torno al lavoro'. È così che è successo. Non potevo immaginare di dire di no e dover vivere guardando questo film con qualcun altro, quando c'era l'opportunità.

Penso che tu sia davvero un grande attore, ma non importa quanto sei bravo come attore, se non credi in te stesso. Per assumere un ruolo come questo, sembra che tu debba davvero avere un certo livello di fiducia nelle tue capacità, come attore, e nella tua capacità di fornire la performance richiesta. Quando ti senti come se avessi davvero iniziato a riconoscere ciò di cui eri capace, in termini di mestiere, ed è mai stato difficile per te superare i dubbi o le insicurezze che avevi per ricoprire davvero ruoli come questo?

BOYEGA: Penso Attacca il blocco è quando me ne sono accorto, ma è stato quando Attacca il blocco rilasciato negli Stati Uniti, in particolare. quando Attacca il blocco uscito nel Regno Unito, il pubblico del Regno Unito era molto diverso. Conoscono la cultura, quindi non ne sono sorpresi. Per loro, era come, alzando gli occhi al cielo, 'Stiamo vedendo gli stessi vecchi teppisti tipici nei film', ed è giusto così. A quel tempo, c'era molto da fare, ed era solo un terreno delicato per molte persone nel Regno Unito. Ma negli Stati Uniti, che non conoscono quella prospettiva e che non conoscono quell'esperienza, si sono impegnati Attacca il blocco in un modo che mi ha fatto sentire come 'Oh, oh sì'. Nel Regno Unito, dicevano: “Oh, sì, erano tutti bravi. Erano fantastici. Negli Stati Uniti, era più come 'Oh, mi piace il modo in cui il protagonista era severo e silenzioso'. Era tutto specifico. Ero proprio tipo “Oh, è quello che faccio? Bene. Immagino di farlo. È lì che ho ricevuto molti dei miei feedback, in termini di sensazione di essere bravo o meno. L'avevo sentito frequentare corsi di recitazione locali e gruppi teatrali locali, ma non ci credevo fino in fondo. Era come, “Dai, amico, siamo tutti qui a questo livello, dicendoci che stiamo tutti bene. Non abbiamo visto un professionista del settore per confermarlo. Ma quando Attacca il blocco è uscito, è stato come, 'Okay, bene, ho qualcosa da fare qui.'

  John Boyega in Attack The Block
Immagine tramite Sony Pictures

Gli artisti sono sempre i loro peggiori critici.

BOYEGA: Sì, sicuramente. E devi ricordare, specialmente in questa fase, specificamente per me, c'è un motivo per cui ti si sarebbero avvicinati con questo, e dovevo solo capire che si tratta di cosa hai portato ai ruoli precedenti che può in qualche modo fargli sapere , 'Okay, fantastico, questo è il tipo di attore di cui abbiamo bisogno per questa parte specifica.' E la maggior parte delle volte, registi e produttori ti diranno: 'Ti ho visto in questo, e ti ho visto in questo' o 'Ho visto il tuo lavoro. Ecco dove voglio spingerti, in termini di una nuova direzione. Questo è il tipo di feedback che ricevo.

Una delle cose che mi ha davvero colpito nel guardarlo è che continuavo a pensare a quanto deve essersi sentito solo questo ragazzo. Aveva queste persone nella sua vita che si prendevano cura di lui, aveva persone in banca mentre era lì, e comunicava con le persone al telefono, ma anche con tutto ciò, si sente davvero come se fosse molto solo su un'isola da solo. Sembrava un personaggio solitario da interpretare? Com'era incarnare, quando eri davvero in quei momenti?

BOYEGA: Sul set, c'era sicuramente un senso di separazione da tutti gli altri a causa dell'energia che si sprigiona quando le telecamere girano. Ciò influisce sull'energia sul set. Brian [Brown-Easley] a volte deve andare via. Doveva andare in bagno, quando si è scagliato contro i cassieri della banca. Quella, di per sé, è la stessa energia che hai visto sul set. Dovrei avere un po' di isolamento. Non sono mai stato solo perché ovviamente siamo sul set, ma c'era sicuramente una distanza da tutti, dove sei tu, da solo, in quel mondo. Inoltre, siamo partiti per girare diversi pezzi in cui sarei stato solo io, che camminavo per Atlanta e attraversavo l'autostrada. Questo ha mostrato quanto Brian fosse solo nella sua vita reale, in quel momento.

  attacco-il-blocco-john-boyega
Immagine tramite Sony Pictures Releasing

Hai già la responsabilità di rendere giustizia a questa storia e a ciò per cui quest'uomo stava combattendo. Com'era essere all'altezza? Qual è l'asticella che ti sei prefissata, per quanto riguarda l'essere soddisfatto di ciò che hai fornito in questo?

quali film sono in prime video

BOYEGA: Dovevo solo sentirlo, nello stesso modo in cui guardo chiunque altro in qualsiasi film. Devo sentirlo dalla mia opinione e dalla mia prospettiva. Devo essere in grado di giudicare me stesso chiaramente ed essere tipo “Sai una cosa? Mi sono divertito in questo 'o' in realtà non l'ho fatto davvero. A volte può essere uguale. È così che va.

Una storia come questa è tragica, ma può anche facilmente farti arrabbiare molto, molto perché qualcuno non sia riuscito ad aiutare quest'uomo così disperato. Quanto è difficile lasciare andare un personaggio e una storia come questa, soprattutto quando è chiaro che le cose non dovevano andare come sono andate per lui?

BOYEGA: Per me andava bene farlo. Ho avuto una transizione graduale ed esperienza nel lasciare andare il personaggio. Penso che sia importante avere una vita al di fuori della recitazione di cui sei entusiasta. Questa è la cosa fondamentale principale. Devi avere persone da cui sei entusiasta di tornare a casa, che hanno un impatto positivo sulla tua vita. Non è tutto dalla recitazione perché a volte la recitazione diventa grigia. Ciò che rende l'esperienza piuttosto amara è che metti tutte le tue uova d'oro per la tua felicità in quella cosa, e poi quella cosa ha un volto diverso. Quando lo fa, non puoi avere nient'altro e nessun altro sbocco o forma di supporto. È importante stabilirlo, anche quando recitare fa bene a te e a te. È importante stabilire l'altro lato della tua vita. Mi sento come se avessi quell'equilibrio e si è manifestato durante Rottura , al punto che ora posso dire ai giornalisti, in tutta onestà, che mi sono divertito a filmarlo. Quell'intensità che vedi, che ti dà quel bruciore di stomaco, per me, come attore, era la libertà sul set perché stavamo tutti collaborando. È l'equivalente di una buona caratteristica di una canzone. La collaborazione è stata giusta. Per noi, stavamo solo sentendo l'energia di ciò che ci piace, che è agire, proprio come un'arte. È così che l'ho superato senza mai sentirmi triste o in un luogo buio.

L'hai detto Attacca il blocco 2 sta accadendo e che tu ne sei il protagonista e lo produci, e sono state pubblicate foto della copertina della sceneggiatura e del logo sullo schema della storia. Quanto sei vicino all'inizio effettivo della produzione?

BOYEGA: Siamo abbastanza vicini. Ci stiamo arrivando. Ovviamente, non vogliamo rilasciare date a nessuno perché vogliamo prenderci cura del processo creativo. Abbiamo la spina dorsale principale della storia, ma siamo ancora in laboratorio, solo per assicurarci che la storia sia giusta. La storia è tutto. Ma non ci vorrà molto. Ho dato loro la batteria per accelerare il processo. Se tutto va bene, presto avremo un annuncio per quando saremo in giro per Londra, a fare casino.

  attacca-il-blocco-film-immagine-02
Immagine tramite Screen Gems

In qualità di produttore, quanto sei coinvolto mentre si sviluppa? Hai voce in capitolo su dove va la storia?

programmi televisivi di fine anni '90 inizi anni 2000

BOYEGA: Sì. Questo processo è stato fantastico. La storia è stata effettivamente presentata da me e Joe Cornish. Abbiamo collaborato molto alla creazione di una storia che abbia senso per Moses e gli altri personaggi che arriveranno nel secondo [film], e anche per i nuovi personaggi che appariranno nel sequel. E poi, inoltre, ci sono diverse prospettive nello scriverlo, con Joe che ha il suo punto di vista e io il mio. Londra è cambiata così tanto, in tanti modi diversi, nel corso degli anni dal primo film. Stiamo solo cercando di assicurarci di esplorare tutto questo, apportando un'atmosfera completamente diversa a quel primo film pazzesco che abbiamo realizzato.

Dal punto di vista della recitazione, com'è tornare a un personaggio che non hai interpretato più di dieci anni fa? Torni indietro e guardi te stesso e guardi di nuovo il film?

BOYEGA: Sì, lo fai. Torni indietro e guardi di nuovo il film e ricordi il personaggio. Sono tornato al mio vecchio copione. Ho i miei vecchi appunti da leggere. E poi, inoltre, tutto il materiale che Joe ha raccolto, nel tempo per creare il primo film, in termini di tono e tutto ciò che era nella Bibbia per Attacca il blocco , lo portiamo fuori dagli angoli polverosi, soffiamo via la polvere e torniamo al lavoro. Ora si tratta di invecchiare leggermente il personaggio e vedere dove si trova adesso.

Sono anche estremamente entusiasta Il Re Donna . Com'è stato fare qualcosa del genere, circondato da tutte quelle donne toste, essere parte di una storia del genere e vedere qualcuno come Viola Davis incarnare quel personaggio? Com'è stata quell'esperienza?

BOYEGA: Sento che è stato d'ispirazione. È arrivato al momento giusto per me. È stata una boccata d'aria fresca. Era come una terapia gratuita. Viola lavorerebbe sodo e tu la guarderesti e saresti ispirato, oa volte condivideva una storia sulla sua prospettiva. Lei ci entra e tu sei lì per ascoltare dal vivo. Ero lì sul set, con la telecamera lì, e tutti erano pronti a filmare una scena con Viola Davis. Sono cresciuto guardando Viola Davis, nemmeno in questo paese, ma a Londra, nel Regno Unito. È molto lontano da qui. Quindi, per me, sembra un momento di cerchio completo, in cui sono solo grato di essere effettivamente sul set e assistere a un'attrice così potente, e varie altre persone con cui ho lavorato, che sono state d'ispirazione negli anni.

  john-boyega-la-donna-re-in primo piano
Immagine tramite Sony

Cosa significa per te portare storie come Rottura e Il Re Donna sullo schermo e dare una mano nel raccontarli alle persone che istruirai anche tu, in molti modi?

canzoni in guardiani della galassia 2

BOYEGA: Non ci penso così, ma sentendo che l'hai visto ora, sono entusiasta per questo. Sono entusiasta che le persone vengano istruite perché penso che una nuova prospettiva sia sempre qualcosa che è una boccata d'aria fresca. A volte la nostra bolla diventa l'unica bolla, e questo rende sempre più difficile capire le altre persone. Ma poi, sei nel mondo con loro, devi condividere il trasporto, devi volare con loro, devi essere intorno a loro per strada, devi essere intorno a loro al lavoro. Come lo navighiamo? Quindi, forse questo è un film che mostra la prospettiva in un modo necessario. È un'istruzione, tanto quanto è un'opportunità di empatia.

Cosa hai preso dall'esperienza di lavorare con Michael K. Williams?

BOYEGA: È stato speciale per il nostro film coinvolgere Michael. Ha portato una certa qualità a ciò che stavamo cercando di fare. Per lui trovare questa storia importante da raccontare, è anche importante menzionarla. Sento che facciamo tutti parte della vera eredità di Brian e Brian vuole che la sua storia venga raccontata. Che anche Michael ne faccia parte, sento che è qualcosa di piuttosto eccitante, attrarre il meglio del settore che vede storie e pensa che sia importante. Vogliono aggiungere il loro talento e Michael ha fatto proprio questo.

Rottura ora sta suonando nei cinema.