'Rafiki' è il capolavoro di formazione queer ambiguo e gioioso di Wanuri Kahiu

Che Film Vedere?
 

'Rafiki' dimostra audacemente la possibilità di gioia queer e lieto fine nel mezzo delle ambiguità della progressione culturale.

  immagine dell'amico

Una delle lamentele più frequenti tra gli accaniti telespettatori di LGBTQIA+ il cinema è incentrato su un'enfasi eccessiva sul dolore queer piuttosto che sulla gioia queer. Dalle devastanti conclusioni di film tanto vari quanto William Wyler il fondamentale dramma lesbico di L'ora dei bambini e Greg Araki la spinta al confine La fine vivente all'enfasi sulla repressione o sul dolore personale in film come domenica sanguinosa domenica e Montagna rotta , molti dei film essenziali nel canone del cinema queer incentrano le loro narrazioni sulle difficoltà della vita e dell'amore queer.

Sebbene i racconti di lotta siano necessari per riconoscere il crogiolo sociopolitico in cui la liberazione queer è stata ed è tuttora forgiata, uno dei tanti vantaggi dell'espansione della visibilità queer nel cinema contemporaneo è l'enfasi sulla gioia di espressione personale e connessione romantica nella vita queer. Attraverso il suo uso di colori caleidoscopici e l'esame di vivaci spazi alternativi per la connessione sociale, la regista keniota Wanuri Kahiu è la storia d'amore per adulti Un amico fornisce una prospettiva piacevolmente leggera sugli alti e bassi dell'amore queer. Incentrato sull'interesse romantico tra Kena ( Samantha Mugatsia ) e Ziki ( Sheila Munyiva ) che germoglia in mezzo alle opposte offerte dei loro padri per un'assemblea di contea a Nairobi, Un amico intreccia elegantemente le complessità sociopolitiche e i traumi postcoloniali dell'approccio generale del Kenya all'omosessualità senza scivolare nella cupa didattica. Invece, Un amico dimostra audacemente la possibilità di una gioia strana e di un lieto fine nel mezzo delle ambiguità del progresso culturale.

IMPARENTATO: Da 'Elliot Loves' a 'Rafiki': 9 film LGBTQ di San Valentino che potresti esserti perso

  Un amico
Immagine tramite Meteor Films

Per valutare le belle riflessioni di Kahiu sulla storia d'amore di Kena e Ziki, è essenziale riconoscere le difficoltà sociopolitiche che Kahiu e il suo cast affrontano abilmente nella loro valutazione dell'omofobia sistemica dell'Africa postcoloniale. L'intera narrazione di Un amico si svolge in spazi africani precedentemente colonizzati che ancora fanno i conti con i traumi individuali e collettivi del colonialismo. In Un amico , l'omofobia si manifesta in una varietà di spazi postcoloniali di connessione interpersonale tra cui la chiesa locale, i caffè nel centro della città e persino le case dei politici, che contribuiscono tutti al violento attacco contro Kena e Ziki nei momenti culminanti del film. Eppure anche come Un amico raddoppia i profondi sistemi omofobici che permeano la vita quotidiana dei personaggi centrali, Kahiu eleva un numero uguale di spazi alternativi in ​​cui Kena e Ziki possono comunicare in sicurezza, in particolare la discoteca locale e il furgone abbandonato che si trasforma in una cassaforte paradiso per il duo centrale.

Dopo essersi connessa per la prima volta con Ziki a livello di amicizia, Kena si ritrova attratta dai capelli multicolori di Ziki, che funzionano come una rappresentazione della fiducia in se stessi, dell'espressione personale e dell'individualità sfacciata agli occhi del più riservato Ziki. Rapidamente, l'attrazione reciproca tra Ziki e Kena sboccia in una storia d'amore intima e giovanile ma matura, disseminata di appuntamenti locali segreti e sottili gesti romantici nel mezzo di incontri con gli amici. Rifluendo e scorrendo tra gli spazi tranquilli intorno a Nairobi e trovando luoghi per incontri segreti, Ziki e Kena racchiudono magnificamente la vulnerabilità dell'amore queer, poiché l'omosessualità pubblica rimane illegale in Kenya. Uno dei film più audaci di connessione romantica arriva nella colorata sequenza del set del club, che vede Kena e Ziki ballare e abbracciarsi circondati da allegre luci stroboscopiche e musica allegra. Offrendo alla coppia centrale uno spazio per una gioiosa espressione reciproca di infatuazione e attrazione, Un amico illumina la possibilità di speranza all'interno di strutture perpetue di repressione queer, incoraggiando il suo pubblico internazionale verso un'espressione romantica più confortevole.

Oltre a visualizzare il club come uno spazio simbolico sicuro per la libertà degli omosessuali, Un amico include diverse sequenze estese di Kena e Ziki che trascorrono del tempo in un furgone abbandonato coperto di fiori. Partendo da una sequenza datata della coppia in barca a remi in un corso d'acqua locale, Kahiu usa lo spazio del furgone come espressione simbolica della mobilità in avanti, permettendo ai sogni di Kena e Ziki di scappare insieme di incapsulare un movimento lento ma costante. attraverso il Kenya verso la liberazione queer. Permettendo al pubblico di partecipare alle conversazioni private e ai momenti di connessione tra Kena e Ziki nel furgone, Kahiu porta avanti la sua visione distinta dell'amore queer come legame fondato su sogni di cambiamento politico e potenziale mobilità oltre le restrizioni della società eteronormativa. Anche se il film descrive la madre di Kena e i genitori di Ziki come rappresentanti delle strutture eteropatriarcali che il colonialismo ha contribuito al panorama sociopolitico del Kenya, Un amico rifiuta di dare all'oppressione sistemica l'ultima parola nella storia della coppia centrale. L'uso di Kahiu di tenui colori pastello nei momenti intimi e vibranti sfumature al neon nelle scene di espressione pubblica queer consente alle identità dei protagonisti di riempire le cornici di luce e vita, anche mentre affrontano le ambiguità del loro futuro insieme.

Mentre Un amico affronta coraggiosamente il dolore e il pregiudizio che Kena e Ziki sperimentano per mano della loro comunità in Kenya, il film offre anche al pubblico una rinfrescante rarità nel cinema queer: un lieto fine. Nei momenti finali del film che si svolgono in un punto indefinito nel futuro, Kena torna a casa sua fuori Nairobi, dove viene accolta da Ziki. Sebbene la telecamera visualizzi solo la mano di Ziki che accarezza la spalla di Kena, l'intimità del momento e la gioia sul volto di Kena creano un finale ambiguamente trionfante. Questa sequenza è un perfetto esempio dell'estetica visiva e dell'approccio ideologico di Kahiu in tutto il film, permettendo all'intimità empatica del legame centrale di riversarsi nei fotogrammi finali. Anche se il pubblico non incontra mai il divario temporale tra la fine del presente e l'epilogo ambientato nel futuro, la bellissima riunione tra Kena e Ziki diventa un incapsulamento multistrato dell'ambigua speranza che definisce molte relazioni queer. Mentre molti film si sono comprensibilmente appoggiati alle difficoltà affrontate dalla comunità LGBTQIA+ di fronte alla discriminazione per le loro libertà personali e sessuali, Un amico sceglie di essere una vibrante favola neorealista per le gioiose possibilità di alterare i sistemi attraverso l'amore autentico. Decentrando l'intrinseca omofobia del colonialismo per elogiare il potenziale dei movimenti sociopolitici contemporanei in Kenya all'interno della narrazione, Un amico gesti verso la possibilità di liberazione queer attraverso il cambiamento politico.