Recensione di 'The American Society of Magical Negroes': Justice Smith recita in una satira troppo sicura | Sundance 2024

Che Film Vedere?
 

Nonostante una buona idea e le ottime prestazioni di Justice Smith e David Alan Grier, a questo concetto non è stata resa giustizia.

i migliori film spaziali su amazon prime
  Il giudice Smith tiene un orologio mentre una folla applaude in The American Society of Magical Negroes.
Immagine tramite Sundance

La grande immagine

  • La pellicola La Società Americana dei Negri Magici tenta di parodiare il tropo, ma non ha i denti per rendere giustizia al concetto.
  • La sezione centrale del film dà priorità al romanticismo e dimentica le critiche più acute al cliché.
  • Sebbene il film abbia il cuore al posto giusto, avrebbe dovuto concentrarsi maggiormente sulla critica al tropo del 'negro magico' o sull'essere una commedia romantica, non su entrambi.

Il termine “negro magico” è stato originariamente reso popolare da Spike Lee come un modo per descrivere i personaggi neri nei film che esistono solo per aiutare i protagonisti bianchi. Quando Lee introdusse per la prima volta questo termine nel 2001 durante una visita a Yale, menzionò film come La leggenda di Bagger Vance , Il miglio verde , Quali sogni possono arrivare , E L'uomo di famiglia come esempi di questo estenuante cliché, e nei due decenni successivi, questo cliché continua ad alzare la sua brutta testa nell'intrattenimento . In La Società Americana dei Negri Magici , il film d'esordio dello scrittore-regista Kobi Libii, tenta di parodiare e smontare questo concetto, ma con un film che non ha i denti per rendere giustizia a questa storia.

La Società Americana dei Negri Magici
Commedia

Aren viene reclutato in una società segreta di magici neri che dedicano la propria vita a una causa della massima importanza.

Data di rilascio
22 marzo 2024
Direttore
Kobi Libia
Lancio
Il giudice Smith , David Alan Grier , An-Li Bogan , Drew Tarver , Michaela Watkins , Aisha Hinds
Durata
104 minuti

Di cosa parla la 'Società Americana dei Negri Magici'?

Il giudice Smith interpreta Aren, un artista nero in fallimento specializzato in strutture di filati che, sorprendentemente, non vendono nelle gallerie. Dopo aver visto come interagisce con i bianchi in una delle sue mostre, incontra Roger ( David Alan Grier ), che presenta Aren all'American Society of Magical Negroes. Questa organizzazione segreta tenta di mettere i bianchi più a loro agio – essendo autenticamente neri e accettabili per i bianchi – come aiutanti dei loro “clienti” bianchi. Sebbene si pensasse che il 'negro magico' facesse parte solo dei film, esiste anche nel mondo reale. Nel suo orientamento verso la Società, ad Aren vengono mostrate scene simili ai film sopra menzionati, in cui un uomo di colore insegna a un ragazzo bianco come giocare a biliardo, simile a una scena in Bagger Vance , mentre un'altra scena mostra un prigioniero nero che aiuta una guardia bianca a riprendersi la sua vita amorosa afferrando l'inguine della guardia, in modo simile a Il miglio verde .

Sebbene Aren all’inizio non sia sicuro dell’idea, vedere come Roger usa la sua magia – in senso letterale e figurato – lo rende curioso riguardo alla nuova posizione. Il suo primo incarico importante arriva su una piattaforma di social media chiamata Meetbox, dove deve aiutare Jason ( Drew Tarver ), che è frustrato dal suo lavoro. Ma mentre aiuta Jason lavorando al suo fianco a Meetbox, Aren incontra anche Lizzie ( An Li Bogan ). Mentre i due cominciano ad avvicinarsi, si scopre che l’interesse di Aren per Lizzie potrebbe entrare in conflitto con i desideri del suo cliente, un importante no per la Società. Aren deve decidere cosa è meglio: mantenere felice il suo cliente bianco o fare ciò che è meglio per se stesso, al diavolo le conseguenze.

La 'Società Americana dei Negri Magici' non può rendere giustizia al suo concetto

La Società Americana dei Negri Magici inizia e finisce in luoghi interessanti , poiché è in questo momento che Libii dà la priorità all'eliminazione di questo tropo problematico. Quando vediamo per la prima volta la Società, è quasi a Un posto stile Hogwarts , pieno di meraviglia e di imprevisto. Nicole Byer governa questo dipartimento, sorvolando sugli altri membri della società, e il film può affrontare più direttamente i tipi di film che hanno dato vita a questo concetto. Il finale coglie anche l'occasione per sottolineare la natura ridicola del 'negro magico' e mostrare che questo tipo di personaggio non dovrebbe esistere esclusivamente per potenziare i personaggi bianchi, come menzionato in un monologo ben fornito di Smith.

Purtroppo, troppo di La Società Americana dei Negri Magici è essenzialmente a rom-com dove Aren e Lizzie si avvicinano, con l'occasionale ostacolo lanciato da Jason. Anche se conosciamo la posizione della Società nel mettere sé stessi prima del cliente, la sezione centrale del film dimentica le sue critiche più mirate per creare invece una commedia facilmente digeribile. Come dice Roger quando presenta la Società ad Aren, il lavoro del 'negro magico' è quello di mettere a proprio agio i bianchi, eppure, questo è esattamente il tipo di film che non dovrebbe mettere a proprio agio nessuno. Alla fine, il film affronta questo problema, ma lo fa in un film che è stato trascurato troppo facilmente per renderlo del tutto efficace.

Quando il film si concentra maggiormente su questi cliché, non è particolarmente radicale, ma è lì che la storia trova la sua forza. Tuttavia, quando arriviamo al Meetbox, la sceneggiatura di Libii non è così divertente o concisa come dovrebbe essere. Ci sono alcune scene in cui il regista non sa quando tagliare ed eliminare, invece, ribadendo gli stessi punti più e più volte e trascinando con sé l'intero film. Le scene di Libii fanno il punto, poi continuano per il doppio del tempo necessario, il che a volte può trasformare scene decenti in scene estenuanti.

Justice Smith e David Alan Grier sono solidi, anche quando il film vacilla

  Il giudice Smith in La società americana dei negri magici
Immagine tramite funzionalità Focus

Ma sempre solido La Società Americana dei Negri Magici sono Smith e Grier. Il personaggio di Smith trova il rispetto di sé nel corso del film e lo vediamo passare dall'essere un uomo che ha paura di mettere a disagio le persone a riuscire a trovare la fiducia di cui ha bisogno, invece di rendere felici gli altri. Anche se il film va in direzioni che forse non dovrebbe, Smith è bravo sia nel ruolo di aiutante del Jason di Tarver che nel ruolo di protagonista romantico accanto alla Lizzie di Bogan. Ma il protagonista qui è Grier, che è essenzialmente il Morfeo del Neo di Aren, che gli mostra come funziona il mondo e gli apre la mente alla realtà di tutto ciò. Grier è un mentore con rimpianti del passato e riesce sempre a essere silenziosamente esilarante e un po' tragico. Insieme, Smith e Grier sono deliziosi e si comportano bene a vicenda. È semplicemente un peccato che non siano in un film in grado di criticare queste idee più a fondo.

La Società Americana dei Negri Magici ha il cuore al posto giusto, ma il film ha un’idea intelligente che non può supportare quando si concentra su luoghi che probabilmente non dovrebbe. Questo è un film che avrebbe dovuto concentrarsi sulla critica al tropo del “negro magico”. O stato una commedia romantica - non una combinazione dei due - e nel fare entrambe le cose, il film perde gran parte del suo potere nella sua parte traballante. La Società Americana dei Negri Magici è un film che ha bisogno di mordente affinché il suo concetto elevato funzioni e, sfortunatamente, il film di Libii non ha denti.

  Locandina del film L'American Society of Magical Negroes
La Società Americana dei Negri Magici
REVISIONE

L'American Society of Magical Negroes ha un'idea grandiosa, ma la sua satira non è così pungente come dovrebbe essere perché questa idea funzioni.

5 10

Professionisti
  • L'American Society of Magical Negores inizia e finisce con una solida parodia di stanchi cliché.
  • Il giudice Smith e David Alan Grier sono solidi, anche quando il film vacilla.
Contro
  • La metà centrale del film dimentica per lo più gli aspetti satirici che rendono interessante questo film.
  • Questo concetto deve colpire duro e, sfortunatamente, non è così pungente come dovrebbe essere.

La Società Americana dei Negri Magici ha avuto la sua anteprima mondiale al Sundance Film Festival del 2024. Il film uscirà nelle sale negli Stati Uniti il ​​22 marzo 2024. Fai clic di seguito per gli orari di programmazione.

OTTIENI I BIGLIETTI